Confindustria Monza e Brianza, Euler Hermes e la Banca Popolare di Bergamo creano la filiera virtuosa del credito per le imprese brianzole

28.07.2014
 

Monza, 23 Luglio 2014 –  I segnali di ripresa si intravedono ma ancora non vi è la certezza che si è fuori dalla crisi. Il 2014 dovrebbe essere l’ottavo anno di fila in cui le insolvenze aziendali cresceranno, toccando un picco storico a quota 14.500 casi e i mancati pagamenti, seppur in calo, continuano a rappresentare un problema evidente nel fare impresa. Euler Hermes, il leader mondiale dell’assicurazione crediti,  ha stimato che nel 2013 il costo medio per ogni singola transazione del mancato pagamento per le imprese brianzole è stato di €18.000 sul mercato domestico e di € 30.000 nelle transazioni estere. A questo dato va aggiunto la difficoltà delle imprese del territorio ad avere accesso a linee di credito necessarie per dare vita all’attività imprenditoriale.

 

Per supportare le imprese del territorio, Confindustria Monza e Brianza, Euler Hermes e Banca Popolare di Bergamo hanno siglato un accordo per la tutela e la garanzia del credito a favore delle imprese brianzole. L’intesa è stata raggiunta oggi nella sede dell’Associazione tra la Presidente del Comitato Piccola industria di Confindustria Monza e Brianza, Gabriella Meroni, Andrea Misticoni, Direttore Commerciale Euler Hermes Italia e Osvaldo Ranica, Direttore Generale Banca Popolare di Bergamo. 

 

L’accordo, dopo una prima fase che prevedeva il supporto dei servizi di assicurazione del credito a  condizioni vantaggiose per gli associati di Confindustria Monza e Brianza erogati da Euler Hermes (Gruppo Allianz), da oggi include anche l’apporto di un istituto di credito quale la Banca popolare di Bergamo, che entra nella partnership già strutturata con lo scopo di migliorare l’accesso ai finanziamenti bancari per le imprese associate attraverso la garanzia di Euler Hermes.

 

L’ accordo- afferma Gabriella Meroni Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Monza e Brianza - vuole essere un’azione di sistema, con l’obiettivo di migliorare l’accesso al credito delle nostre imprese, fortificando il sistema dei pagamenti. Confindustria Monza e Brianza ha voluto creare una filiera virtuosa tra Banca-Impresa-Assicurazione”.

 

È un forte segnale- sostiene Andrea Dell’Orto Presidente di Confindustria Monza e Brianza- della capacità del territorio di fare sistema per rinascere e rivitalizzarsi. L’accordo che, nella prima fase prevedeva l’erogazione dei servizi di assicurazione del credito a  condizioni vantaggiose per gli associati e che in questo secondo momento prevede il positivo coinvolgimento del sistema bancario, crea una modalità innovativa di accesso al credito”.

 

Con i primi segnali di inversione del trend, è necessario supportare il ciclo del credito delle imprese del territorio al fine di <blindare> la ripresa. La creazione di una vera e propria filiera virtuosa del credito con i principali attori dell’imprenditoria brianzola va proprio in questa direzione. Il rischio di mancati pagamenti così come quello di default di molte imprese non è ancora alle spalle, una corretta gestione del credito diventa quindi indispensabile per le imprese che vogliono sviluppare il loro business nel lungo periodo”.  – ha dichiarato Andrea Misticoni.

 

Osvaldo Ranica, ha infine concluso: 

In collaborazione con Confindustria Monza e Brianza e Euler Hermes Italia, oggi condividiamo un’iniziativa significativa per il territorio e per le aziende che ivi svolgono la loro attività, dando a tutti noi la possibilità di mettere a disposizione le nostre competenze tecniche e la capacità delle nostre risorse per offrire un valido supporto alle Aziende Associate a Confindustria Monza e Brianza. L’accordo tutelerà e garantirà credito a favore di queste imprese supportando importanti sfide per progettare, allestire e consolidare attività imprenditoriali e favorire la ripresa ed il nuovo sviluppo della futura economia.”